martedì 27 marzo 2012

un articolo che parla di noi su "Il Cittadino"

Al giorno d' oggi un'azienda che cerca personale da assumere è una cosa rara; in alcuni casi il poco lavoro, la crisi, la carenza di commesse e in altri casi aziende che "speculano" su agevolazioni e incentivi governativi.
Da sempre ci distinguiamo per la serietà e la professionalità della nostra zienda e questo ha creato l' interesse di alcuni giornalisti che hanno deciso di venirci a trovare per un'intervista.
Padre e figlio, Giuliano e Claudio Santambrogio, due generazioni a confronto, due incarichi diversi all' interno dell'azienda ma un unico denominatore comune: condurre la Santambrogio Salotti continuando a produrre divani artigianali di alta qualità.

Giorno dopo giorno, il costante impegno e la devozione al lavoro a fatto si che una realtà artigiana abbia affermato il proprio nome diventando un riferimento per chiunque fosse alla ricerca di un divano di qualità artigiana.
L' artigianato: una realtà che sta andando pian piano sparendo lasciando il posto a grandi magazzini di retail dove i prodotti dozzinali vengono stoccati e rivenduti senza nessuna professionalità. Tutto bene, se non fosse che la

4 commenti:

  1. Claudio Santambrogio28 marzo 2012 09:07

    forza ragazzi, mai scoraggiarsi!

    RispondiElimina
  2. Sito curato e interessante. Si denota chi lavora con passione sulla qualità. Complimenti!!! Arianna

    RispondiElimina
  3. La cura e la realizzazione artigianale sono un "must" per una clientela esigente che acquista con la testa...divani che sono eterni come la passione che li accompagna. Siete davvero bravi!! Anna

    RispondiElimina
  4. Santambrogio Salotti28 marzo 2012 18:03

    per fortuna che ancora esiste chi apprezza la qualità. Sapere l' origine dei prodotti che compongono il proprio divano e il proprio letto, sapere quali prodotti sono stati usati (materiali e provenienza) non sono cose da poco... considerando che parecchie ore del nostro tempo le trascorriamo proprio li!! .. se i materiali usati sono tossici ce li respiriamo!

    RispondiElimina