mercoledì 29 luglio 2015

Per la "siesta" ci vuole il divano giusto


La siesta è una cosa seria. Per alcuni molto seria. Tanto da decidere di fare un’ordinanza che consiglia vivamente, per non dire impone, di sospendere ogni attività lavorativa dalle 14 alle 17 di ogni giorno. La notizia è apparsa sul quotidiano La Stampa e riguarda il piccolo Comune di Ador, 1400 abitanti vicino a Valencia (Spagna). 
L’idea è certamente originale e, se vogliamo, anche un po’ anacronistica in tempi in cui tutti vanno di corsa. Ma in realtà va incontro a un desiderio diffuso di riposo, silenzio e calma.
Che cosa succederebbe se qualcosa del genere fosse proposto anche da noi? 
Sicuramente 

All’idea del sindaco Joan Faus Vitoria, però, manca un dettaglio che chiude il cerchio: Siesta si, ma sul divano giusto.

Come scegliere il divano ideale da poter suggerire al Sig. Joan?

Noi pensavamo ad un divano confortevole, un divano relax con la seduta abbastanza profonda, un divano dalle imbottiture soffici e accoglienti un "divano soporifero" .... un divano RELAX SQUARE!


 E a questo punto non resta che augurare… buona Siesta a tutti!



Fonte: La Stampa
Per leggere l'articolo completo cliccate qui  





lunedì 20 luglio 2015

Di tessuti ne abbiamo diverse migliaia di metri.... scegliete voi!

A volte la scelta del tessuto per la copertura del divano è una "tappa difficile" dato che i fattori da considerare sono almeno 2:
- la tipologia
- il colore

TIPOLOGIA:
Scegliere il tipo di tessuto è sempre una scelta ostica proprio perchè va toccato il materiale e considerato l'utilizzo nei 12 mesi dell'anno, deve essere quindi fresco in estate e morbido in inverno; deve essere accogliente e nel contempo traspirtante,

COLORE:
La scelta del colore deve essere in armonia con il resto della casa quindi il colore del salotto deve in qualche modo fare da "collante" tra i colori dell'appartamento , richiamare gli arredi e "staccare" con il pavimento, riprendere le tende e non "sparire" sul colore del muro.

Per aiutarvi nella scelta del tessuto e assicurarvi una consegna in 45 giorni dall'ordine il nostro magazzino tessuti è completo di ogni tipologia di tessuto ognuna di esse in tutte le varianti di colore.



Il magazzino comprende circa 20.000 metri di tessuto stoccato in funzione di composizione e colore.


Tutti i tessuti che usiamo per la produzione dei divani sono di origine italiana e solo le tessiture migliri diventeranno nostri fonitori; nessun tessuto proveniente da Cina o Turchia ha mai vestito un nostro divano non per questioni geografiche ma semplicemente per il fatto che vogliamo solo materiali dall'elevato standard qualitativo.

Siete curiosi? Volete visitare la nostra azienda? Chiamateci e saremo lieti poter organizzare una visita guidata insieme a voi.

venerdì 17 luglio 2015

Pelle pieno fiore, quale scegliere?

Spesso si parla di pelle pieno fiore ma in realtà di cosa si tratta?

State attenti perchè spesso alcuni "furbi" cercheranno di ingannarvi con la definizione "primo fiore" e quando la sentite aguzzate subito le orecchie perchè c'è qualcosa che non va e forse stanno cercando di fare il gioco delle tre carte.
PRIMO FIORE è una definizione che tecnicamente non esiste ma è solo il tentativo di emulare la definizione (veritiera e riconosciuta a livello internazionale) di PIENO FIORE.

Eccovi alcuni esempi di pelle pieno fiore:


Sono tutte pelli bovine pieno fiore di qualità selezionata


La "grana" di una pelle pieno fiore non è mai omogenea perchè a seconda della parte delle pelle che si sta lavorando la pelle DEVE essere più o meno rugosa; proprio come la nostra pelle che non è uguale su tutto il corpo ma ad esempio sulla schiena è più robusta e diversa da quella della pancia e delle altre parti, ecco per le pelli animali il concetto è identico: la pelle della "groppa" (centro schiena) dell'animale è diversa da quella della pancia che risulterà più liscia e più morbida.

Un "primo fiore" potrebbe essere tutto o niente: potrebbe essere una crosta stampata (che spesso i venditori definiscono martellata) come potrebbe essere un "sotto epidermide" conciato e tinto..... insomma non si sa mai cosa possa essere di preciso.

Come si riconosce una pelle pieno fiore da una "falsa" ? 

Non è difficile riconoscere una pelle pieno fiore da una falsa e questa cosa spesso non la sanno nemmeno tanti venditori di divani: una pelle è un pieno fiore solo se si vedono i pori delle pelle 
proprio così, il pieno fiore essendo lo strato della pelle più esterno e quindi quello coperto dal pelo dell'animale è anche quello strato che ha i pori (proprio come la nostra pelle) mentre gli strati inferiori (croste e rigenerati) non avranno mai i pori di conseguenza se vedete i pori state tranquilli che state acquistando un prodotto valido mentre se i pori non si vedono diffidate nel modo più assoluto perchè vi stanno dando un pellame di bassissima qualità


Solo un certificato di garanzia accompagnato al divano o letto che avete acquistato con dicitura: "pelle articolo ........  pieno fiore di prima scelta" potrà essere a vostra tutela nel caso in futuro abbiate dei problemi; qualsiasi altra dicitura sarà a vostro discapito in quanto non è specificato in modo chiaro di che pelle si tratti.

Avete dei dubbi in merito? Passate a trovarci e il nostro responsabile del controllo della qualità dei pellami sarà lieto poter chiarire ogni vostro dubbio.

giovedì 9 luglio 2015

Un letto classico o meglio dire in stile provenzale?

Abbiamo prodotto un letto matrimoniale su richiesta di un nostro cliente il quale ci ha descritto l'arredo della sua casa e noi abbiamo provveduto alla progettazione e alla produzione del modello.
Si tratta di un letto contenitore quindi con box bed da poter usare come vano contenitore e riporre oggetti di uso stagionale.
Ma la domanda che ci facciamo è: "si tratta di un letto classico oppure meglio definirlo un letto in stile provenzale?"


La linea che abbiamo disegnato è sicuramente una linea classica ma l'abbinamento che si è creato con i tessuti che insieme abbiamo scelto lo rende molto luminoso, sicuramente adatto per la casa al mare a cui destinato, e quindi nel contempo ne alleggerisce anche lo stile avvicinandolo alla definizione "provenzale".
Il tessuto del letto ha una riga pronunciata arricchita poi con delle piccole righe all'interno mentre per copriletto, copriguanciali e per il tavolino habille abbiamo preferito accostare dei tessuti coordinati con quadri e righe incrociate sempre utilizzando gli stessi colori: bianco e beige.
I nostri designers hanno poi progettato anche la parete sulla quale verrà accostato il letto suggerendo (come si vede nelle foto) delle righe larghe di tono più acceso.


Progettare e produrre ambienti unici è il nostro lavoro e vederli poi realizzati ricevendo i complimenti da parte dei nostri clienti ci stimola a continuare a voler offrire il meglio ai nostri clienti.
Tutta la collezione di letti contenitore sia classici che moderni la potete trovare sul nostro sito web dedicato ai letti : lettisantambrogio.it 

lunedì 6 luglio 2015

Crazy Chester, quando la produzione di divani Chesterfield diventa creatività

Il nome “Crazy” la dice già lunga sull’ultimo nato di casa Santambrogio: il divano Crazy Chester.


Divano Crazy Chester in tessuto patchwork
Un prodotto classico che con un’iniezione di energia colore e stile si trasforma in un divano allegro, fresco e adattabile a qualsiasi tipo di ambiente che mantiene come da nostra tradizione la solidità dei materiali (scelti tra i migliori), la tecnica e l’artigianalità nella lavorazione che da sempre  ci contraddistingue. 

I divani Crazy Chesterfield sono disponibili anche in versione divano letto


Pazzo si, ma solo nella veste, il cuore è sempre quello che ci porta a creare prodotti solidi e duraturi nel tempo, per garantire ai clienti , anche i più esigenti, un divano che rispecchi tutti i criteri del “bello” e “solido”.                       
Nemmeno a dirlo il Crazy Chester lo produciamo su misura quasi fosse un vestito e per questo modello ancor più che per gli altri della collezione non ne esiste uno uguale all’altro proprio perché il rivestimento patchwork viene realizzato di volta in volta e, ogni volta, con tessuti  differenti tra loro.                                                                                                                     
Per i più pigri poi lo produciamo anche nella versione divano letto, di diverse misure, ma in ogni sua dimensione la rete è a doghe in massello di faggio e ortopedica per non rinunciare mai al comfort che tutti ci meritiamo quando ci dedichiamo al nostro riposo, avere un divano Chesterfield che sia anche un divano letto è l'ideale per chi ha bisogno di eleganza e comfort.

Un divano Chesterfield rivisto nello stile e nei colori diventa un divano moderno